Le case in legno sono poco sicure?

  • Notizie
  • Le case in legno sono poco sicure?

La costruzione di case in legno non è diventata obsoleta con le nuove tecnologie di costruzione e anzi è diventata sempre più popolare nel corso degli ultimi anni. D’altra parte, una casa in legno richiede più cure di una costruzione in mattoni. Uno degli aspetti principali è la sicurezza delle case in legno. A cosa si deve prestare attenzione, quali sono le norme di sicurezza antincendio e quali sono i luoghi comuni per le case in legno? Per aiutarci a rispondere a queste domande abbiamo chiesto al direttore di “Dolena”, Egidijus Norvaisas che è anche membro del consiglio dell’Associazione dei Costruttori di Case in Legno Lituani (MNGA).

Avete costruito case di legno per 15 anni. Vi capita spesso di sentire che le case in legno non sono sicure?

Questa è opinione comune soprattutto tra le persone che non hanno mai visto una casa in legno. Se chiedete a questa persona di argomentare la sua posizione, solitamente la risposta è che il legno brucia e i mattoni no, o magari che ha sentito storie di interi villaggi andati a fuoco. Ci si dimentica un fatto però, cioè che non viviamo più come in tempi antichi con i camini in casa senza alcun isolamento. Fino alla seconda guerra mondiale l’architettura dominante in Lituania era per lo più in legno e solo durante l’occupazione sovietica è stata dimenticata. E’ evidente che queste vecchie case antecedenti la guerra non sono state ristrutturate, le persone con basso reddito difficilmente possono spendere i soldi per adeguarsi alle più elementari norme di sicurezza antincendio. Questo è il motivo per cui queste case finiscono fra le notizie di incidenti ed incendi.

I requisiti per le case in tronchi sono gli stessi che esistono per qualsiasi altro tipo di casa?

Secondo la legge Lituana, tutte le case che hanno una struttura portante in legno vengono posizionate in terza classe nella scala di resistenza al fuoco. Il requisito principale per questa classe è una distanza minima maggiore dalla casa più vicina che deve essere 15 m. Le case in legno sono di solito costruite in aree spaziose per cui raggiungere questo requisito non presenta alcuna difficoltà. Al momento si stanno abbassando ancora i requisiti per la terza classe di resistenza al fuoco delle case in legno, questo con l’utilizzo di speciali materiali, verniciature antifiamme e così via.

Quando costruite la vostra, particolare attenzione deve essere prestata durante l’installazione di impianti di riscaldamento e elettrici. Questi, se vengono insatllati nel modo sbagliato, possono provocare un incendio.

Quindi questo significa che dire che una casa di tronchi non è sicura è un luogo comune senza fondamento?

Come ho detto, se chi ci abita mantiene dei requisiti minimi di sicurezza e si assicura che l’installazione di impianti di riscaldamento e elettrico è stata effettuata correttamente, allora il rischio di incendio è minimo. Se vengono trattati con speciali antipiretici (sostanze chimiche che proteggono dagli effetti di fuoco), il telaio in legno raggiunge la più alta classe di resistenza al fuoco per il legno Europeo, B-s1, d0 e il rischio di incendio è identico a qualsiasi altro tipo di edificio.

Quali altri luoghi comuni esistono?

Durante 15 anni di lavoro ne ho sentiti molti. Una credenza molto comune è che le case in tronchi non sono stabili o non sono ben sigillate. Tutti questi luoghi comuni sono stati creati perchè la lavorazione del legno richiede conoscenze più specifiche di quelle necessarie per altri materiali da costruzione tradizionali. Per esempio, per posare le tegole ci vogliono istruzioni dettagliate per il montaggio. Nessuno pensa che queste istruzioni si rendono ancor più necessarie quando si tratta di costruire una casa di legno. Anzi, probabilmente un manuale di istruzioni non sarebbe sufficiente in questo caso – sarebbe più utile un enorme libro sulle qualità del legno e sui vari trucchi su come seguire il processo di costruzione. In pratica bisogna avere una grande esperienza nel campo.

E ‘vero che le costruzioni in legno richiedono più tempo per bruciare e vengono danneggiate dal fuoco meno rispetto a costruzioni con struttura in acciaio?

Gli elementi in legno sono resistenti al fuoco e il loro comportamento durante l’incendio è prevedibile, perché il legno si trasforma in carbone ad un tasso costante e noto – circa 40 mm all’ora. Inoltre mantiene l’integrità della struttura. Solidi telai in legno a struttura incrociata è anche più resistente al fuoco. Lo strato di carbone che viene a formarsi durante l’incendio è un buon isolante che protegge gli strati interni dall’ossigeno il che significa protezione da alte temperature, perché il fuoco senza ossigeno non può esistere. Se la struttura è anche trattata con antipiretici, la resistenza al fuoco è ancor maggiore.

Quali sono i requisiti rompifiamma di un tetto di una casa in legno e quali differenze vi sono rispetto a quelli di un tetto tradizionale?

Se, secondo il progetto, l’edificio è progettato per non essere impregnato con antipiretici passa automaticamente nella terza classe di resistenza al fuoco, che non richiede ulteriore impregnazione. Ma io vi consiglio di impregnare il tetto con antipiretici, soprattutto se la sezione della struttura incrociata è sottile.

Ho sentito dire che i tronchi sono trattati con speciali materiali resistenti al fuoco, potresti spiegarmi per favore qualcosa più a riguardo?

La resistenza al fuoco degli elementi in legno può essere aumentata scegliendo tronchi di maggiore spessore, aggiungendo materiali resistenti al fuocoproteggendo il legno con antipiretici o con vernici resistenti al fuoco. Quando si sceglie il tipo di protezione si dovrebbe valutare ciò che è più conveniente.

I vari materiali protettivi possono essere classificati in diversi gruppi:

  • Coprente, senza funzione decorativa – da 0,01 a 0,7 mm di spessore di materiale protettivo;
  • Coprente, decorativa e protettiva – da 0,01 a 0,1 mm di spessore di materiale protettivo che nasconde il “disegno” del legno;
  • Coprente; materiali decorativi che creano una pellicoa di 1 mm di spessore attraverso la quale si può vedere completamente o parzialmente il legno e il suo colore;
  • Materiali spandibili;
  • Materiali combinati..

Tecnologie di impregnazione a polimeri e antipiretiche sono utilizzate per ridurre l’infiammabilità del legno. Vengono utilizzate tecniche di impregnazione differenti: ad alta pressione, in autoclave – a diffusione in vasca. Questo tipo di protezione del legno (a seconda della profondità di impregnazione) è efficace non solo nella prevenzione incendi, ma anche durante l’incendio. D’altra parte però, l’impregnazione riduce la resistenza del legno, quindi in questo campo sono necessarie ulteriori ricerche. Ogni anno si scoprono nuove e migliori tecnologie per gli antipiretici.

L’impianto elettrico in una casa di tronchi richiede materiali specifici e ci sono requisiti particolari di cui tenere conto?

Quando si mettono a confronto le varie regioni Lituane, ci ritroviamo in una situazione contraddittoria per via delle differenti interpretazioni delle regole per “l’installazione di apparecchiature elettriche”. In base a queste regole un cavo che passa attraverso materiali infiammabili (come una casa in legno) deve essere infiammabile e non deve poter alimentare il fuoco. Tutti i cavi presenti oggi sul mercato non alimentano le fiamme mentre quelli non infiammabili sono circa il 30% più cari. Così, la metà degli ispettori sono del parere che i cavi devono essere infiammabili e gli altri sostengono che sia sufficiente per un filo non alimentare le fiamme. A mio parere, è più importante avere un progetto di impianto elettrico ben fatto che ha tutte le apparecchiature elettriche necessarie e in cui la larghezza dei cavi sia accuratamente selezionata prima di iniziare qualsiasi lavoro.I collegamenti dei cavi necessitano di particolare attenzione, in quanto sono i posti in cui il surriscaldamento può creare le situazioni più pericolose.

A che altro deve fare attenzione il proprietario di una casa in legno? Qual è la posizione dell’Associazione dei Produttori di case in Legno riguardo a questo argomento?

Quando si costruisce una casa, sia essa in legno o in mattoni, è importante utilizzare le moderne tecnologie per la sicurezza di impianti elettrici, riscaldamento e dei materiali. Bisogna anche assicurarsi che prima di costruire la casa, tutti le posizioni degli impianti elettrici, delle connessioni e dei sistemi di riscaldamento che raggiungo i requisiti di sicurezza, vengano indicate nel progetto iniziale. Ancora più importante è per il produttore e assemblatore della casa conoscere queste posizioni, così da poter trovare soluzioni tecniche adeguate, punti di installazione e distanze di sicurezza durante l’elaborazione dela struttura. Sono necessarie conoscenze specifiche per questo, soprattutto quando si lavora con costruzioni in legno. Noi dell’Associazione dei Produttori di Case in Legno siamo convinti che questi aspetti della sicurezza e della qualità siano di estrema importanza e la loro attuazione è tra i nostri compiti prioritari. Abbiamo approvato norme inerenti la costruzione della casa in legno all’Ufficio per gli Standard Lituani che la maggior parte dei nostri membri hanno già messo in atto.

Fonte www.delfi.lt